DENUNCIA CODACONS A PROCURA, CORTE DEI CONTI E ANAC

Cronache tragiche, scandaloso: Sicilia perde 117 milioni di fondi Ue 2007-2013

Politica   Mercoledi, 26 aprile 2017

UNICA REGIONE DEL SUD A NON AVER USATO INTERA SOMMA

La Regione Siciliana non sarebbe riuscita a certificare la spesa di tutte le risorse europee, perdendo definitivamente 117 milioni di euro su 3,27 miliardi assegnati al Por-Fesr per il periodo 2007-2013 dei fondi strutturali europei. Una situazione che se trovasse rispondenza alla realtà sarebbe idonea a configurare responsabilità e fattispecie penalmente rilevanti ma anche illeciti fonte di danno erariale. Per questi motivi il Codacons, tramite l’Avv. Carmelo Sardella, Dirigente dell’Ufficio Legale Regionale , ha presentato un esposto-denuncia alla Procura della Repubblica di Palermo alla Corte dei Conti e all’Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC). 

Nei giorni scorsi la denuncia era partita dal Centro Pio la Torre di Palermo, che invitava gli amministratori a far tesoro degli errori commessi e avviare subito i progetti dei finanziamenti 2014-2020, ancora fermi. Le spese certificate del periodo 2007-2013 dei fondi strutturali europei sono state pubblicate sul sito dell'Agenzia della coesione. Il Por Fse è riuscito invece a certificare al 100% (1,042 miliardi).
    L'Italia riceverà 27,754 miliardi di rimborsi comunitari a fronte dei 27,94 previsti in sede di assegnazione delle risorse dieci anni or sono. Saranno perciò restituiti alla Commissione europea 186 milioni di euro, mentre 972 milioni risultano sospesi: 729 milioni riguardano il Pon Ricerca.

Il Codacons, quindi, solleva dubbi  sullo spreco di denaro pubblico e sul grave danno alla p.a. e a tutta la collettivita’ ritenendosi, pertanto, indispensabile che le autorita’ adite svolgano tutte le indagini volte a stabilire come siano stati persi i fondi.

E’ dovere pubblico per i soggetti ai quali è demandata una funzione implicante maneggio di denaro o beni pubblici, di rendere conto della correttezza di gestione con un rispetto ancor più rigoroso di giudizi e valutazione di probabilità e opportunità delle operazioni poste in essere nel rispetto dei principi di imparzialità, parità di trattamento, trasparenza e proporzionalità, oltre che nell’ottica di correttezza e trasparenza della p.a. - conclude Codacons.

 

di Redazione Iene Siciliane Data: Mercoledi, 26 aprile 2017

Articoli correlati

Politica: Crocetta & Marziano, il Tar, gli Enti di Formazione Professi...

Ovvero peggio del film "Le verità nascoste" un film di Robert Zemeckis di iena "deformata" Sullo sfondo di una Legge Finanziaria, che somiglia sempre più alla famos...

Politica&Elezioni, Catania: domattina presentazione appello per una li...

Lunedì 24 Aprile alle ore 11, in Piazza Verga 2, presso Catania libri, sarà presentato l'appello, in allegato con le firme dei promotori, per una Lista della Sinistra...