bilancio di una giornata

Cronaca: successo della XXXIV edizione della Pasquettaverde

Cronaca   Martedi, 18 aprile 2017

TANASI: CODACONS , N.O.V.A.,CONSAMBIENTE, FEDERAZIONEL EUROPEA VOLONTARIATO, VOLONTARI D'ITALIA,  ASSONATURAMBIENE  E "MANGIA SANO, MANGIA SICILIANO" HANNO CONTROLLATO  I GITANTI, DIFESO L'AMBIENTE E INFORMATO I CONSUMATORI SUI PRODOTTI AGROALIMENTARI SICILIANI.

E' stata un successo l'iniziativa promossa dal CODACONS (Coordinamento Associazioni Ambientaliste e dei Consumatori), dal N.O.V.A.(Nucleo Operativo Vigilanza Ambientale),dalla CONSAMBIENTE,  dalla Federazione Europea Volontariato, Volontari d'Italia,  Assonaturambiente  e dai  volontari MANGIA SANO, MANGIA SICILIANO  denominata  XXXIV edizione della “Pasquetta Verde” che vede, come al solito, l'impegno di volontari-specialisti che ogni anno nel giorno della pasquetta  si adoperano per prevenire i possibili incidenti e incendi che in simili occasioni possono aver luogo e rovinare una delle più spensierate giornate dell'anno.

Il filo conduttore dell'iniziativa, dice Francesco Tanasi, Segretario  Nazionale  Codacons  è stata lo sviluppo e la diffusione di una vera e propria cultura ambientalista, perchè la manifestazione  è stata l'occasione per riflettere sul significato che la natura e la salvaguardia dell'ambiente hanno per ciascuno di noi. Quest'anno - continua Tanasi - abbiamo avuto anche la partecipazione dei volontari MANGIA SANO, MANGIA SICILIANO che hanno informato i gitanti sui prodotti agroalimentari siciliani sia con Denominazione di Origine Protetta (DOP) oppure con Indicazione Geografica Protetta (IGP), piuttosto che in quella dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali (PAT).

Mentre i volontari-specialisti hanno controllato i luoghi di maggiore affluenza in città e in provincia per evitare incidenti, incendi e tutto quanto poteva  recare danno alle persone e alla natura: l'esperienza dimostra infatti che spesso si verificano fatti spiacevoli a causa dell'incuria e della non osservanza delle più elementari norme di prudenza. E' per tutti doveroso  - conclude Tanasi - tenere presente che il rispetto della natura è condizione essenziale per usufruire in maniera adeguata per il bene di tutti e per preservare un patrimonio appartenente all'intera collettività. Basta con le abitudini di accendere fuochi ove capita: il pericolo di incendi per autocombustione è in agguato; basta con l'incuria e l'abbandono dell'immondizia li dove si è trascorsa la giornata. 

 

di Redazione Iene Siciliane Data: Martedi, 18 aprile 2017

Articoli correlati

Giustizia catanese, abusivismo: la "corrida" attorno ad un chiosco

di iena giudiziaria marco benanti L’abusivismo è un fenomeno sempre diffuso a Catania, sebbene talora –di fronte a casi clamorosi- dalle Istituzioni non vengano...

Sanità..."presa a pugni", Mussomeli (Cl): ennesima aggressione, la Fsi...

Un ausiliario socio-sanitario dipendente dell’ospedale “Longo” è stato aggredito e picchiato da un familiare, ricevendo un pugno i...